Le proteste in Cile, i suicidi in carcere, i 6 miliardi dell'Italia destinati agli armamenti...

Nasce la newsletter delle rubriche di inPrimis: una sintesi settimanale ogni sabato mattina di quello che è andato in onda nei giorni precedenti.

Ciao,

questa newsletter nasce un po’ a sorpresa. Ma d’altronde anche inPrimis era nato un po’ a sorpresa, e un po’ a sorpresa è rimasto attivo (cambiando) anche la scorsa estate quando è nata la newsletter a fianco del podcast.

Da un po’ di tempo mi chiedevo come valorizzare le rubriche settimanali, con la schiera di collaboratori e collaboratrici che ormai da anni ogni settimana mandano i propri approfondimenti, per far sì che le loro rubriche non venissero ascoltate prevalentemente il giorno d’uscita ma anche nei giorni successivi.

Ho pensato quindi, e spero ti faccia piacere, di mandarti una newsletter il sabato mattina, che riassuma un po’ quello che è passato sul tuo smartphone nei giorni precedenti. La newsletter è gratuita, come gratuito è inPrimis. Se vuoi, puoi però fare una donazione all’Associazione Culturale inPrimis - APS, l’organizzazione no profit che tiene in piedi questa baracca. Oppure puoi sostenerci iscrivendoti alla newsletter di inPrimis che ogni giorno ti spedisce il testo delle nostre notizie e i link alle fonti che abbiamo utilizzato!

Alcune novità dovrebbero arrivare anche nelle prossime settimane, ma non ti anticipo nulla: intanto, ecco una sintesi di quello che è passato sul tuo smartphone in questi ultimi giorni, con la possibilità di riascoltarlo se te lo fossi perso!

Francesco Zambelli

ps

Se ti piace questa newsletter, non dimenticarti di condividerla!

Share


Esteri

Chi ci conosce e chi ci ascolta da un po’ di tempo sa bene che non di sole notizie italiane vive il/ fan di inPrimis. Ecco dunque che nelle rubriche di questa settimana si è parlato di Usa, con l’Arizona che ha certificato la vittoria di Biden; Cile, con le proteste in piazza contro il presidente Pinera raccontate da Andrea Cegna; Africa, con il documentario Decolonizzazioni, sangue e africa raccontato da Ludovica Longo; la situazione disperata di Ahmad Djalali, ricercatore condannato a morte in Iran, denunciata da Simone Rizza di Amnesty International; le possibili elezioni anticipate in Israele (che non cambieranno nulla per i palestinesi) raccontate da Amedeo Rossi.


Diritti

Lo sgombero dei migranti a Parigi è stato messo in rapporto con la riforma dei decreti Salvini in Italia da Stefano Galieni; l’Italia spenderà 6 miliardi in armamenti, denuncia Giorgio Beretta nella sua rubrica Armi e Disarmo; un altro suicidio nel carcere di Brescia spinge a riflessioni generali sull'isolamento a cui le sbarre costringono, spiega la garante dei diritti dei detenuti di Brescia Luisa Ravagnani. Valori.it riporta che il numero delle famiglie e delle imprese che faticano ad accedere ai servizi finanziari è in crescita da tempo.


Cultura e Scienza

Carmen Dal Monte ha pubblicato la quarta parte dedicata alle Meditazioni di Cartesio; Daniele Piacentini ci ricorda come nel 1786 il Granducato di Toscana abolì la pena di morte, primo Stato al mondo. In Francia arriva una nuova piattaforma per i film, e ha generato in Paolo Piazza un po’ di riflessioni, perché anziché essere on demand, avrà un palinsesto. E ti sei mai chiesto perché si dice… andare a Ramengo?

Secondo la psicologa Doriana Galderisi la diacronicità del Sars-Cov-2 complica l’accettazione dell’evidenza scientifica, mentre ad Arecibo è crollato il telescopio più grande del mondo, famoso per la caccia agli alieni. La recensione del libro della settimana, in Pagine di Heiko Caimi, è il mondo nuovo di Aldous Huxley.


Ambiente

Il Parlamento Europeo sostiene il diritto alla riparazione, spiega Marta Massera nella sua Clima d’Europa. La Guida Michelin si tinge di verde, racconta Davide Zarri. Come misurare la sostenibilità di un edificio? Risponde Isaac Scaramella.


Ti ho incuriosita/o? Allora segui questo link e vatti ad ascoltare subito le rubriche di questa settimana. Noi ci sentiamo lunedì mattina, come sempre.

Ascolta le rubriche

Francesco Zambelli